Messaggio per un’aquila che si crede un pollo ( Da pag.17 ) (4)

(4)

In questo corso di spiritualità si parla di psicologia?

La psicologia è più pratica della spiritualità? Niente è più pratico della spiritualità.

Sono anch’io psicologo, e pratico la psico terapia, e quando mi capita di dover scegliere tra psicologia e spiritualità dentro di me sorge un grande conflitto. mi chiedo se qualcuno, qui, capisce cosa intendo. Io stesso l’ho capito solo dopo molti anni.

Cercherò di spiegarmi.

Per molti anni non ho capito questo fatto, finché un giorno, ho scoperto che la gente deve soffrire a sufficienza in una relazione per poter essere disilluso nei confronti di tutte le relazioni. Non è forse una cosa terribile? Le persone devono soffrire abbastanza in una relazione prima di svegliarsi e dire: <<Sono stufo! Ci dev’essere un modo migliore di vivere, un modo che non comporti dipendenza da un altro essere umano>>.

E cosa facevo io, come psicoterapeuta? La gente veniva da me per sottopormi i propri problemi relazionali, comunicativi, e così via, e talvolta quello che facevo era di qualche aiuto. Ma purtroppo devo dire che in altre occasioni non serviva a niente, perché lasciava che  le persone continuassero a dormire. Forse quelle persone avrebbero dovuto soffrire un po’ di più. Forse avrebbero dovuto toccare il fondo e dire: <<Sono stufo di tutto>>. E’ solo quando si è stufi di essere stufi che se ne esce.

La maggior parte della gente va dallo psichiatra o dallo psicologo per ottenere un sollievo, non per uscire dalla situazione in cui si trova.

C’è una storiella che parla del piccolo Johnny, che si diceva fosse un ritardato mentale. Evidentemente però non lo era, come risulterà evidente dalla storiella.

Johnny va alla lezione di attività manuali nella sua scuola speciale, riceve il suo pezzo di creta e si mette a modellarlo. Poi ne stacca un pezzetto, va in un angolo della stanza e si mette a giocare con esso.

L’insegnante gli si avvicina e gli dice: <<Ciao, Johnny>>.

E Johnny: <<Ciao>>.

L’insegnante chiede: <<Cos’è quello che hai in mano?>>.

E Johnny risponde: <<E’ un pezzo di sterco di mucca>>.

L’insegnante chiede ancora: <<E cosa stai modellando?>>.

Il ragazzino risponde: <<Sto facendo un’insegnante>>.

L’insegnante pensa: << Il piccolo Johnny è regredito>>.

Quindi chiama il preside, che sta passando davanti alla porta dell’aula in quel momento, e gli dice: <<Johnny è regredito>>.

Così il preside si avvicina a Johnny e gli dice: <<Ciao figliolo>>.

E Johnny: <<Ciao>>.

Il preside chiede: <<Cos’hai in mano?>>.

E lui: <<Un pezzo di sterco di mucca>>.

<<E cosa stai modellando?>>

E il ragazzo: <<Un preside>>.

Il preside ritiene che sia un caso da far esaminare allo psicologo della scuola. <<Mandate a chiamare lo psicologo!>>.

Lo psicologo è un tipo in gamba. Gli si avvicina e dice: <<Ciao>>.

E Johnny risponde: <<Ciao>>

Lo psicologo dice: <<Io so cos’hai in mano>>.

<<Cosa?>>

<<Un pezzo di sterco di mucca>>.

Johnny dice: <<Giusto>>.

<<E so anche cosa stai modellando>>.

<<Cosa?>>.

<<Uno psicologo>>.

<<Sbagliato. Non ho abbastanza sterco di mucca!>>. E quello lo chiamavano un ritardato mentale!

I poveri psicologi fanno bene il loro lavoro, davvero. Ci sono casi in cui la psicoterapia costituisce un aiuto insostituibile, perché quando ci si trova sull’orlo della follia, della pazzia più completa, si è sul punto di diventare o psicotici o mistici. Il mistico è proprio questo: l’opposto del folle.

Sapete qual’è il segnale del risveglio? E’ il momento in cui ci si chiede: <<Sono io il pazzo, o lo sono tutti gli altri?>>:

Davvero, è così. Perché noi siamo pazzi. Il mondo intero è pazzo. Folli certificabili in piena regola! L’unico motivo per cui non siamo tutti rinchiusi è che siamo troppi.

Dunque siamo pazzi. Viviamo basandoci su idee pazze riguardo all’amore

, ai rapporti con gli altri, alla felicità, alla gioia, a tutto quanto. Sono giunto a credere che siamo pazzi al punto che, se tutti sono d’accordo su qualcosa, quella cosa è sicuramente sbagliata!

Ogni nuova idea, ogni grande idea, al suo inizio, era partita da una minoranza costituita da una persona. Quell’uomo di nome Gesù Cristo – minoranza costituita da una sola persona. Tutti dicevano qualcosa di diverso da quel che diceva lui. Buddha – minoranza costituita da una sola persona. Tutti dicevano qualcosa di diverso da quello che diceva lui. Credo che sia stato Bertrand Russel a dire: <<Ogni grande idea, ai suoi inizi, è blasfema>>. Mi sembra una spiegazione esatta e precisa. 

In questi giorni ascolterete ascolterete una lunga serie di affermazioni blasfeme. <<Egli ha bestemmiato!>>. Perché la gente è pazza, è folle, e prima lo capirete meglio sarà per la vostra salute mentale e spirituale. Non fidatevi. Non fidatevi dei vostri migliori amici. Siate scettici nei confronti dei vostri migliori amici. Sono molto abili, così come lo siete anche voi nei vostri rapporti con gli altri, anche se probabilmente non lo sapete. Oh, siete così astuti, abili e scaltri. siete dei grandi attori.

Non vi sto lusingando troppo, vero? Ma ripeto: voi non volete svegliarvi, State recitando, e nemmeno lo sapete. Pensate di essere tanto affettuosi. Ah! Nei confronti di chi? Persino il sacrificio di se fa sentire bene, non è vero? <<Mi sto sacrificando! Vivo in armonia con i miei ideali>>. Ma ricevete qualcosa in cambio, giusto?

Si riceve sempre qualcosa in cambio per quel che si fa, fino al momento in cui ci si sveglia.

E dunque eccoci qui: primo passo. Ammettere che non volete svegliarvi. E’ davvero difficile svegliarsi quando si è stati costretti, attraverso l’ipnosi, a pensare che un pezzo di carta straccia sia un assegno da un milione di dollari. Com’è difficile strapparsi da quel pezzo di cartastraccia.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close