La preghiera della rana (2° cap.) pag. 13

La preghiera della rana1°

IL MESTIERE DI DIO È PERDONARE

I cattolici sono soliti andare dal prete a confessare i loro peccati e ricevere da lui l’assoluzione in segno di perdono da parte di Dio. C’è però spesso il rischio che i penitenti si servano di tutto ciò come di una garanzia, un certificato che li protegga dal castigo divino e pongano così maggiore fiducia nell’assoluzione del sacerdote che non nella misericordia di Dio. È proprio quello che fu tentato di fare in punto di morte il Perugino, un pittore italiano del Rinascimento, il quale decise di non confessarsi finché non fosse stato sicuro che non era la paura a spingerlo a farlo. Per lui sarebbe stato un sacrilegio e un’offesa a Dio. Un giorno la moglie, che era all’oscuro di questo suo atteggiamento interiore, gli domandò se non avesse timore di morire senza essersi confessato.

Il Perugino replicò: “Mia cara, ecco come io vedo la cosa: il mio mestiere è dipingere e sono stato un ottimo pittore. Quello di Dio è perdonare e se lui sa fare il suo lavoro come io ho saputo fare il mio, non vedo perché dovrei avere paura”.

NARADA PORTA UNA SCODELLA DI LATTE

Il saggio indiano Narada era un seguace del dio Hari. Egli era così devoto che un giorno gli venne la tentazione di pensare che non c’era al mondo nessuno capace di amare Dio come lui. Il Signore lesse nel suo cuore e gli ordinò: “Narada, va’ sulle rive del Gange, e cerca la città dove vive uno dei miei devoti. La sua compagnia ti farà bene”. Narada fece come gli era stato ordinato e trovò un contadino che si alzava presto la mattina, pronunciava una sola volta il nome di Hari, poi prendeva l’aratro e si recava a lavorare tutto il giorno nei campi. La sera, poco prima di addormentarsi, pronunciava ancora una volta il nome di Hari. Narada pensò: “Come può questo zotico essere un seguace di Dio, se sta tutto il giorno immerso nelle cure terrene?” Allora il Signore comandò a Narada: “Riempi fino all’orlo una scodella di latte e con essa fai il giro della città. Poi torna indietro senza versarne neppure una goccia”. Narada fece come gli era stato ordinato. “Quante volte ti sei ricordato di me mentre facevi il giro della città?”, chiese il Signore. “Neppure una, Signore”, rispose Narada. “Come avrei potuto, dal momento che tu mi hai ordinato di stare attento alla scodella del latte?” Spiegò il Signore: “Quella scodella ha assorbito la tua attenzione a tal punto che ti sei completamente dimenticato di me. Che dire invece di quel contadino, il quale, nonostante il peso della famiglia da mantenere, si ricorda di me due volte al giorno?”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close