La preghiera della rana (41° cap.) pag.109 L’IO

 

La preghiera della rana1°

Pag. 109

POSA TE STESSO, NON I FIORI

Si dice che il maestro zen Bankei non abbia fondato nessuna scuola. Egli non ha lasciato né opere né discepoli. Era come un uccello che non lascia traccia del suo volo nel cielo.

È stato detto di lui: “Quando entrava nella foresta non si muoveva neppure un filo d’erba; quando entrava nell’acqua non si formava neppure la più piccola increspatura”. Egli non ingombrava la terra. Nessun gesto di coraggio, nessuna conquista, risultato, virtù spirituale si può paragonare a questo: ingombrare la terra.

Un uomo si recò da Buddha con in mano un’offerta floreale. Buddha alzò lo sguardo verso di lui é disse:

“Mettilo giù!”

Egli non riusciva a credere che gli fosse stato chiesto di posare i fiori, ma poi pensò che molto probabilmente l’invito si riferiva ai fiori che teneva nella mano sinistra poiché offrire qualche cosa con la sinistra era considerato maleducato e di cattivo auspicio. Così lasciò andare i fiori che aveva nella mano destra.

Ma Buddha disse ancora: “Mettilo giù!”

Questa volta egli posò tutti i fiori e restò a mani vuote di fronte a Buddha, il quale ripeté ancora con un sorriso:

“Mettilo giù!”

L’uomo, assai perplesso, domandò: “Che cos’è che devo mettere giù?”

“Non i fiori, figlio mio, ma chi li ha portati”, fu la risposta di Buddha.

IL CONTENITORE E IL CONTENUTO

C’era un guru che tutti consideravano la Sapienza Incarnata. Ogni giorno egli teneva un discorso su vari aspetti della vita spirituale ed era evidente che nessuno mai aveva superato la varietà, la profondità e l’attrattiva del suo insegnamento. I suoi discepoli gli chiedevano con insistenza quale fosse la fonte da cui traeva una sapienza tanto inesauribile ed egli disse loro che stava tutto scritto in un libro che avrebbero ereditato dopo la sua morte. Il giorno che seguì alla sua morte, i discepoli trovarono il libro esattamente dove egli aveva detto. C’era una pagina sola, con un’unica frase che diceva:

“Capite la differenza fra il contenitore e il contenuto e avrete accesso alla fonte della Sapienza”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close