——–LA PREGHIERA DELLA RANA ——– secondo volume cap. 28 pag. 70

La preghiera della rana1°

Pag. 70

RELAZIONI

THEODORE ROOSEVELT E IL CACCIATORE

Il dialogo è la linfa vitale di ogni relazione. Molti però sono gli ostacoli a un vero dialogo e pochi quelli che riescono a superarli. Ottima cosa è prima di tutto imparare a parlare meno e ascoltare di più…

Il presidente Theodore Roosevelt aveva una passione per la caccia grossa. Quando venne a sapere che un famoso cacciatore inglese era di passaggio negli Stati Uniti, lo invitò alla Casa Bianca, nella speranza di ottenere da lui qualche suggerimento prezioso. Dopo un incontro di due ore, durante il quale i due restarono chiusi in una stanza senza che nessuno li disturbasse, l’inglese uscì con aria alquanto stralunata.

«Che cosa avete detto al Presidente?» gli domandò un giornalista.

«Il mio nome», rispose l’ospite sfinito.

IL SILENZIO DI CALVIN COOLIDGE

Quando era presidente degli Stati Uniti, Calvin Coolidge incontrava ogni giorno dozzine di persone, la maggior parte delle quali aveva qualche cosa di cui lamentarsi. Un giorno un governatore disse al presidente che non capiva come facesse a ricevere così tanta gente nel giro di poche ore.

«Il fatto è che voi riuscite a concludere tutte le udienze per l’ora di cena», osservò il governatore, «mentre io resto spesso in ufficio fino a mezzanotte».

«Per forza», replicò Coolidge, «voi parlate».

QUANDO LE TECNICHE NON FUNZIONANO

… ed evitare di decidere in anticipo quello che l’altro vuol dire…

Un ragazzino di quattordici anni una sera annunciò durante la cena che era stato incaricato di istruire i suoi compagni di scuola. Il padre, che era un esperto di metodi didattici per l’esercito, colse la magnifica occasione per rendere il figlio partecipe della propria esperienza e abilità.

«Nell’esercito, figlio mio, procediamo in questo modo», spiegò. «Prima di tutto ci poniamo degli obiettivi in termini di azioni, situazioni e livello operativo. Tu devi quindi decidere subito quale AZIONE desideri far compiere ai tuoi studenti, in quale situazione e a che LIVELLO QUALITATIVO. E ricordati, in qualsiasi intervento educativo quello che conta è l’esecuzione, l’esecuzione, nient’altro che l’esecuzione».

Il ragazzo era restato impassibile. Il suo unico commento fu: «No, papà, non funziona».

«Come sarebbe a dire? Funziona sempre, perché non dovrebbe?»

«Perché», rispose il giovane, «la lezione che devo tenere è sul sesso».

… e che cosa desidera…

CARICARE O SCARICARE LE CASSE?

Due autocarri erano affiancati dalla parte posteriore e l’autista stava cercando faticosamente di trasportare un’enorme cassa da un veicolo all’altro. Un passante, vedendo che la situazione era disperata, si offrì di aiutarlo. Così i due continuarono a sudare e sbuffare per oltre mezz’ora senza combinare nulla.

«Temo che non ci sia niente da fare», disse ansimando il tizio, «non ce la faremo mai a tirarla giù dal camion».

«Giù?» urlò l’autista. «Mio Dio, io non voglio tirarla giù, la devo mettere su!»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close