——–LA PREGHIERA DELLA RANA ——– secondo volume cap. 37 pag. 81

La preghiera della rana1°

Pag. 81

NASRUDDIN SI METTE LA DINAMITE SULLA SCHIENA

È impossibile aiutare un altro senza aiutare anche se stessi, così come è impossibile far del male a un altro senza farlo anche a se stessi.

Nasruddin borbottava qualcosa fra sé e sé tutto contento, quando un amico gli chiese che cos’avesse.

Nasruddin spiegò: «Quell’idiota di Ahmed, ogni volta che mi vede, mi dà una pacca sulla spalla. Bene, oggi mi sono messo un candelotto di dinamite sotto la giacca, così quando mi dà la pacca, gli salta via il braccio!»

PUNTI DI VISTA

Il governatore di una colonia spiegò a un capo indigeno: «Deploro l’oppressione a cui il mio popolo sottopone il tuo. Devi aiutarmi a risolvere il problema».

«Dove sta il problema?» domandò il capo.

«Ascolta mio caro. Se io ti facessi legare a un palo e ti dessi fuoco, tu avresti un problema, no?»

«Io? Se tu mi facessi liberare, tutto sarebbe risolto. Se mi lasciassi bruciare, io morirei. E allora il problema ce l’avresti tu!»

IL TRENO NON FERMA A FORDHAM

Un pendolare saltò su un treno per New York e disse al controllore che doveva andare a Fordham. «Il sabato non ci fermiamo a Fordham», spiegò il controllore, «ma potremmo fare così: mentre rallenteremo passando davanti alla stazione di Fordham, io aprirò la porta e lei salterà giù. Stia attento: deve continuare a correre a fianco del treno quando toccherà terra, altrimenti cadrà a faccia avanti».

A Fordham la porta fu aperta e il pendolare saltò a terra, continuando a correre in avanti. Un altro controllore lo vide, aprì la porta e lo tirò dentro, proprio mentre il treno ricominciava a prendere velocità.

«Lei è proprio fortunato!» esclamò il controllore. «Questo treno non ferma a Fordham il sabato!»

Nel vostro piccolo, potete essere utili agli altri… togliendovi di mezzo. C’è l’arte nobile di completare le cose e quella altrettanto nobile di lasciarle a metà.

L’EQUIVOCO

Secondo i giornali l’ondata di caldo stava causando svenimenti alle persone, perciò la giovane donna non fu sorpresa nel vedere l’uomo anziano che era accanto a lei in chiesa piegarsi di colpo in avanti. Subito ella si inginocchiò accanto a lui, gli prese la testa con fermezza e gliela spinse fra le ginocchia.

«Tenga giù la testa», gli sussurrò con fare insistente, «si sentirà meglio se farà affluire il sangue alla testa».

La moglie di lui stava a guardare contorcendosi dalle risa e non fece nulla per aiutare il marito e la signorina.

«Deve essere proprio una donna senza cuore, pensò la giovane».

Poi, con sgomento, vide l’uomo liberarsi dalla sua stretta poderosa e sibilare: «Che cosa diavolo crede di fare, razza di una stupida impicciona? Sto cercando di raccogliere il cappello che mi è caduto sotto la panca!»

La gente che cerca a tutti i costi di migliorare le cose spesso dimostra grande abilità nel peggiorarle. In ultima analisi la soluzione ai problemi non sta né nell’azione né nell’inattività, ma nella comprensione, poiché laddove c’è vera comprensione il problema non esiste più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close