———UN MINUTO DI SAGGEZZA—–————Cap. 20 Pag. 33/34

Un minuto di saggezza

20/ Pag. 33/34

MORALITÀ

I discepoli erano assorbiti spesso in questioni di bene e di male. Talvolta la risposta era abbastanza evidente. Talaltra era elusiva. Il maestro, se si trovava a essere presente a queste discussioni, non vi prendeva parte. Una volta gli posero la domanda: «È giusto uccidere qualcuno che cerca di uccidermi? O è sbagliato?». Egli rispose: «Come posso saperlo?». I discepoli sconcertati replicarono: «Ma allora come possiamo distinguere il bene dal male?». Disse il maestro: «In vita, siate morti a voi stessi, completamente. Poi agite come volete e la vostra azione sarà giusta».

FANTASIA

«Qual è il maggior nemico dell’illuminazione?». «La paura». «E che cos’è che genera la paura?». «L’inganno». «E che cos’è l’inganno?». «Credere che i fiori intorno a te siano serpenti velenosi». «Come posso ottenere l’illuminazione?». «Apri gli occhi e vedi». «Che cosa?» «Che qui intorno non c’è neppure un serpente».

CONTROLLO A DISTANZA

A un discepolo timido che voleva diventare sicuro di sé il maestro disse: «Tu cerchi la certezza negli occhi di altri e credi che questa sia sicurezza di se» «Non devo dare importanza all’opinione degli altri, allora?». «Al contrario. Valuta tutto ciò che dicono, ma non farti controllare da questo». «E come ci si libera dal controllo?». «Come ci si libera da un inganno?».

INVESTIMENTO

«Come posso liberarmi dalla paura delle cose?» «Come puoi liberarti dalle cose a cui ti aggrappi?». «Vuoi dire che in realtà mi aggrappo alle mie paure? Non posso essere d’accordo». «Considera da cosa ti protegge la tua paura e sarai d’accordo! E comprenderai la tua follia».

CONSAPEVOLEZZA

«La salvezza si ottiene con l’azione o con la meditazione?». «Con nessuna delle due. La salvezza deriva dal vedere». «Vedere cosa?». «Che la collana d’oro che desideri acquistare è già intorno al tuo collo. Che il serpente che tanto ti spaventa è solo una fune per terra».

SONNAMBULISMO

L’umore espansivo del maestro incoraggiò i suoi discepoli a chiedergli: «Dicci cosa hai ottenuto dall’illuminazione. Sei diventato divino?». «No». «Sei diventato un santo?». «No». «Allora cosa sei diventato?». «Sveglio».

DISTACCO

I discepoli erano disorientati dal fatto che il maestro, che viveva così semplicemente, non condannasse i suoi seguaci ricchi. «È raro ma non impossibile che qualcuno sia ricco e santo», egli disse un giorno. «E come?» «Quando il denaro ha sul suo cuore lo stesso effetto che l’ombra di quel bambù ha sul cortile». I discepoli si girarono a guardare l’ombra del bambù che spazzava il cortile senza sollevare un solo granello di polvere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close