———UN MINUTO DI SAGGEZZA—–————Cap. 27 Pag. 42

Un minuto di saggezza

27/ Pag. 42

MORTALITÀ

A un discepolo che implorava la saggezza il maestro disse: «Prova questo: chiudi gli occhi e vedi te stesso e ogni essere vivente gettato giù dalla cima di un precipizio. Ogni volta che ti aggrappi a qualcosa per smettere di cadere renditi conto che anch’essa sta cadendo¦» Il discepolo ci provò e non fu mai più lo stesso.

LIBERAZIONE

«Come posso ottenere la liberazione?». «Scopri chi ti ha imprigionato», rispose il maestro. Il discepolo tornò dopo una settimana e disse: «Nessuno mi ha imprigionato». «Allora perché chiedi di essere liberato?». Quello fu un momento d’illuminazione per il discepolo che improvvisamente divenne libero.

RESTRIZIONE

Il maestro era estremamente gentile con i decani universitari che gli facevano visita, ma non rispondeva mai alle loro domande né si faceva trascinare nelle loro speculazioni teologiche. Ai discepoli che si meravigliavano di questo disse: «Si può parlare dell’oceano a una rana in un pozzo o del divino a persone ristrette dalle proprie idee?».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close