65) Pag. 153/155 LA LIETA NOVELLA / JONEYED E IL BARBIERE

IL CANTO DEGLI UCCELLI_0003Pag. 153

 

LA LIETA NOVELLA

 

Ecco la lieta novella proclamata da nostro Signore Gesù Cristo:

Gesù iniziò ad ammaestrare i suoi discepoli con delle parabole. Egli disse:

Il Regno dei cieli è come due fratelli che vivevano contenti e soddisfatti finchè Dio non li chiamò entrambi a divenire suoi discepoli.

Il più grande rispose generosamente alla chiamata, sebbene significasse per lui strapparsi dalla famiglia e dalla ragazza che amava e che sognava di sposare. Alla fine partì per un paese lontano dove dette tutto se stesso nel servizio ai più poveri dei poveri. In quel paese iniziò una persecuzione ed egli fu arrestato, accusato ingiustamente e condannato a morte.

E il Signore le disse: <<Ben fatto, servo buono e fedele! Tu mi hai reso un servizio che vale milla talenti. Io ti darò una ricompensa che vale miliardi di talenti. Entra nella gioia del tuo Signore>>.

La risposta del fratello più giovane alla chiamata fu men che generosa. Decise di ignorarla e di continuare come prima e di sposare la ragazza che amava. Ebbe una felice vita matrimoniale, i suoi affari prosperarono e divenne ricco e famoso. Talvolta, inoltre, mandava una piccola somma di denaro al fratello maggiore in quel paese lontano. <<Potrà esserti utile nel tuo lavoro per quei poveri diavoli>>, gli scriveva.

E quando giunse la sua ora, il Signore gli disse: <<Ben fatto, servo buono e fedele! Tu mi hai reso un servizio da dieci talenti. Io ti darò una ricompensa che vale miliardi di talenti. Entra nella gioia del tuo Signore!>>.

Il fratello maggiore si sorprese quando udì che il fratello avrebbe ricevuto la sua stessa ricompensa. E ne fu contento. Disse: <<Signore, ora che lo so, se dovessi rinascere e rivivere la mia vita, rifarei esattamente ciò che ho fatto per te>>.

Questa è davvero una lieta novella: un Signore generoso, un discepolo che lo serve per la pura gioia che l’amore conferisce al servizio.

 

Pag. 155

 

JONEYED E IL BARBIERE

 

Il sant’uomo Joneyed si recò alla Mecca vestito da mendicante. Là vide un barbiere che stava radendo un uomo ricco. Quando chiese al barbiere di fargli la barba, il barbiere lasciò immediatamente l’uomo facoltoso e si mise a radere Joneyed . E non volle essere pagato. Anzi, gli fece l’elemosina.

Joneyed rimase così commosso che decise di dare al barbiere tutto ciò che avrebbe ricevuto in elemosina quel giorno.

Il caso volle che un pellegrino abbiente andasse da Joneyed e gli desse una borsa d’oro. Joneyed tornò al negozio del barbiere quella sera e offrì l’oro al barbiere.

Il barbiere gli gridò: << Che razza di sant’uomo sei? Non ti vergogni di offrire un compenso per un servizio d’amore?>>.

 

Talvolta si sentono delle persone dire: <<Signore, abbiamo fatto tanto per te. Che ricompensa ci sarà data?>>.

Tutte le volte che si cerca o si offre una ricompensa, l’amore diventa mercenario.

PAG 156 UNA FANTASIA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close