La preghiera della rana (26° cap.) pag.79 GRAZIA

La preghiera della rana1°

Pag. 79

SI COMPRANO SEMI, NON FRUTTI

Una donna sognò di entrare in una nuova bottega del mercato e, con sua grande sorpresa, trovò che dietro il banco c’era Dio.

“Che cosa si vende qui?” ella chiese.

“Tutto ciò che il tuo cuore desidera”, rispose Dio. Non osando quasi credere alle proprie orecchie, la donna decise di chiedere le cose più belle che un essere umano potesse desiderare.

“Voglio la pace dell’anima e la saggezza e l’assenza di paura”, disse. Poi, ripensandoci, aggiunse:

“Non per me soltanto, ma per tutte le persone della terra”.

Dio sorrise: “Credo che tu abbia capito male, mia cara”, disse. “Qui non si vendono i frutti, ma solo i semi”.

“COMPRA UN BIGLIETTO DELLA LOTTERIA”

Un uomo molto pio attraversava un momento difficile, così cominciò a pregare in questo modo:

“Signore, ricordati di tutti quegli anni in cui ti ho servito come meglio ho potuto, senza chiedere nulla in cambio. Ora che sono vecchio e squattrinato, vorrei chiederti un piacere per la prima volta nella vita e sono sicuro che non mi dirai di no: fammi vincere alla lotteria”. Passarono giorni, poi settimane e poi mesi, senza che accadesse nulla. Alla fine, disperato, una sera egli gridò con quanto fiato aveva in gola:

“Signore, perché non mi dai una mano?” All’improvviso sentì la voce di Dio che replicava:

“Dammela tu! Perché non compri un biglietto della lotteria?”

IL CONSIGLIO DI MOZART

Un giovane compositore andò un giorno a chiedere consiglio a Mozart su come sviluppare il proprio talento. “Le consiglio di iniziare con qualche cosa di semplice”, disse Mozart, “per esempio delle canzoni”.

“Ma lei componeva delle sinfonie già da bambino!”, protestò quello.

“È vero, ma io non avevo bisogno del consiglio degli altri su come sviluppare il mio talento”.

UN VECCHIO PIENO DI ENERGIA

A un uomo sull’ottantina chiesero una volta il segreto della sua straordinaria vitalità. “Be'”, rispose, “non bevo, non fumo e nuoto un chilometro tutti i giorni”. “Ma avevo uno zio che faceva le stesse cose, eppure è morto a sessant’anni”. “Il guaio è che suo zio non le ha fatte abbastanza a lungo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close